iColor Magazine - anno 2021 - numero 07

40 I NTERIOR DESIGN Quando la luce è posta lateralmente avremo dei contrasti molto netti tra zone chiare e zone scure. Quando la sorgente di luce è dietro l’oggetto che osserviamo avremo l’effetto controluce, in questo caso lo sfondo risulterà chiaro e brillante e l’oggetto scuro e piatto. È necessario progettare con attenzio- ne l’intensità luminosa, il colore della luce e ricordarci del suo lento variare nel corso della giornata per accompa- gnare il nostro naturale ritmo circadiano e mai dimenticare che le luci devono es- sere utilizzate per rendere le cose visibi- li! Una cosa è creare la giusta atmosfera, un’altra è abbassare a tal punto la luce e creare disagio. Il segreto di ogni buon progetto di inter- ni o di esterni parte sempre dall’osserva- zione della luce naturale . Ci saranno situa- zioni in cui sarà bene “catturarla” ed altre volte in cui dovremo “filtrarla” affinché non si trasformi in elemento di disturbo. Una luce troppo fioca ostacola una buo - na visione. Contrasti eccessivi tra luce e oscurità affaticano i muscoli dell’iride perché la pupilla è costretta a continui adattamenti . Una luce troppo forte im- pedisce una buona visione (finestre prive di schermature o lampadine spoglie). La luce abbagliante, il costante adattamento a forti cambiamenti della luminosità è cau- sa di cefalee, di tensione. La visione deve essere mantenuta su toni medi. COME ILLUMINARE LA CASA? L’illuminazione deve accogliere, affascinare e farti sentire bene! Ogni ambiente della casa ha esigenze diverse: c’è la luce giusta per cucinare, per studiare, per leggere un libro, per ricevere gli amici in salotto o su una terrazza . Il progettista conosce le problematiche connesse all’illuminazione e, grazie all’esperienza in fatto di sorgenti luminose e delle loro caratteristiche tecni- che, potrà valorizzare quegli angoli della casa, quegli scorci, quei particolari adatti a catturare l’attenzione delle persone con apparecchi che si integrano e si mimetiz- zano con l’architettura esaltandole scelte cromatiche dei materiali e degli arredi. Ca- librando toni e intensità della luce potrà creare effetti suggestivi e differenti sce- nografie che potranno essere richiamate, all’occorrenza, con un semplice gesto, al tocco di un interruttore o di un telecoman- do, garantendo un risultato ottimale. Un aspetto fondamentale e mai tra- scurabile del progetto cromatico è l’in- fluenza della temperatura della luce – generalmente espressa in Kelvin – sui colori delle pareti, del soffitto, del pavi - mento. La gradazione della luce è defini - ta calda se tende verso i toni del giallo,

RkJQdWJsaXNoZXIy NjY4ODQx